Ultima modifica: 10 Maggio 2018
Liceo scientifico "G.B.Quadri" > I progetti > educazione alla legalità

educazione alla legalità

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ 

Obiettivo del progetto è riflettere sui concetti di cittadinanza, legalità e responsabilità individuale, acquisire consapevolezza sul come attraverso azioni concrete si possano portare cambiamenti sociali, approfondire temi specifici e produrre materiali da condividere, costruire una cultura della legalità, intesa come impegno civile, senso di responsabilità personale, senso del bene comune, solidarietà einfine conoscere contesti e ambiti in cui si pratica la legalità, anche attraverso il confronto con testimoni ed esperti.

 

Attività

a) approfondimento e studio (a seconda dell’età degli studenti) di vicende esemplari di uomini e donne rappresentativi, per il loro operato, di lotta alle mafie e alla criminalità organizzata e/o di leggi significative introdotte in Italia per combattere i fenomeni oggetto di indagine. Il lavoro potrà essere svolto utilizzando, su richiesta degli stessi studenti, eventualmente coadiuvati dall’insegnante di riferimento all’interno del consiglio di classe, anche gli spazi delle assemblee di classe;

b) partecipazione agli incontri, organizzati dagli insegnanti refenti del progetto, con testimoni ed esperti;

c) visione di film sui temi oggetto di indagine (si prevede il coinvolgimento di studenti del triennio già formati avendo partecipato ad attività sul tema negli anni precedenti)

d) Partecipazione e adesione da parte di classi e/o gruppi di studenti a progetti /laboratori di cittadinanza attiva, anche proposti e/o individuati all’esterno.

e) Realizzazione di prodotti multimediali, con cui restituire i lavori svolti.

Per l’anno scolastico 2016/2017 il “Quadri” aderisce come scuola capofila ai “Laboratori di cittadinanza democratica condivisa e partecipata: educazione al volontariato sociale ed alla legalità corresponsabile” (cfr. bando del MIUR rivolto agli  Istituti Scolastici Statali del II ciclo di istruzione anche in rete di scuole), in partenariato con l’IIS “A. Da Schio”, il “Consorzio Cooperative Sociali” (CCS) di Padova, il Centro Servizi Volontariato (CVS) di Vicenza, altri Istituti Secondari Superiori della città maggiormente impegnati sul tema, in particolare IIS “A, Canova” e IIS “B. Montagna”, e infine le associazioni attive sul territorio, in particolare il Presidio Libera Vicenza “Pietro Sanua” e l’Associazione “Cittadini per Costituzione”. Il progetto (formazione sul contrasto alle mafie e alla corruzione sul territorio e volontariato) prevede il coinvolgimento di circa 200 studenti di quattro Istituti Secondari Superiori cittadini in un unico incontro in plenaria indicativamente tra novembre 2016 e gennaio 2017.

Partecipazione di due classi 4°, ancora da individuare e in date da definirsi, ma che abbiano alle spalle percorsi di studio e approfondimento sui temi del progetto, al viaggio della legalità a Palermo. Il programma, in collaborazione con gli operatori di Libera il G(i)usto di viaggiare, prevede incontri con testimoni e visite a realtà che si siano significativamente qualificate sul territorio nella lotta alla mafia.

 

Organizzazione di incontri con esperti, giornalisti, testimoni

28 ottobre: incontro con Antonio Zangara, figlio di Salvatore Zangara, vittima innocente di mafia. Nel II quadrimestre, in data ancora non individuata, incontro con Alessio Cordaro, figlio di Rosalia Pipitone (vittima di mafia) e Salvo Palazzolo, giornalista di Repubblica, autori del libero Se muio, sopravvivimi.
Eventuali uscite didattiche per conoscere realtà significative sul territorio (beni confiscati e riutilizzati a scopi lavorativi e sociali).
Partecipazione alla Giornata della memoria e dell’impegno (21 marzo 2017)
Partecipazione di alcuni studenti di classe 3° o 4° (che risultino o inseriti nella scuola in attività di animazione e tutoraggio o impegnati anche a titolo personale con associazioni operanti sul territorio e attive sui temi del progetto) ai viaggi della legalità organizzati dalla Consulta provinciale degli studenti in collaborazione con Cittadini per Costituzione.

Sentieri di Legalità. Incontro-testimonianza con Antonio Zangara il 9 maggio Aula Magna

 

 

Responsabile del progetto
Giovanna Viola, con la collaborazione dei proff. Peron e Pietrobelli